Sistema di illuminazione elderly

Condividi questo articolo

Presso la Facoltà di Architettura di Pescara l’Arch. Aldo Deli ha recentemente discusso la sua tesi dal titolo: “Human Centric Lighting approach: concept design di un sistema di illuminazione per il settore elderly” presentando il concept di una nuova lampada destinata agli interni. Per completare l’esposizione ci ha affidato la realizzazione del modello in stereolitografia completo di finitura superficiale.

La sfida principale del lavoro di ricerca è stata quella di integrare una disciplina fortemente innovativa come la Human Centric Lighting in un prodotto destinato ad una categoria esigente ed attenta come quella dei senior. La volontà progettuale è stata quella di rappresentare un insieme coerente di elementi che si proponessero attraverso semplicità e chiarezza formale.

Questo ha condotto quindi all’identificazione dei cinque elementi cardine del prodotto: una base, un riflettore, un diffusore, un corpo illuminante e i controlli. L’altezza complessiva – 180 cm – è stata stabilita con il preciso intento di voler creare un prodotto che non sia nè troppo invadente all’interno dell’ambiente domestico nè possa incutere nel senior una sorta di ‘timore’ per un’eccessiva fisicità. 

La sfida principale del lavoro di ricerca è stata quella di integrare una disciplina fortemente innovativa come la Human Centric Lighting in un prodotto destinato ad una categoria esigente ed attenta come quella dei senior. La volontà progettuale è stata quella di rappresentare un insieme coerente di elementi che si proponessero attraverso semplicità e chiarezza formale.

Questo ha condotto quindi all’identificazione dei cinque elementi cardine del prodotto: una base, un riflettore, un diffusore, un corpo illuminante e i controlli. L’altezza complessiva – 180 cm – è stata stabilita con il preciso intento di voler creare un prodotto che non sia nè troppo invadente all’interno dell’ambiente domestico nè possa incutere nel senior una sorta di ‘timore’ per un’eccessiva fisicità. 

Il prodotto è stato concepito per essere utilizzato in ambito domestico e per quello specifico target, ma potrebbe essere riconvertito con alcune modifiche per essere utilizzato in ambito aziendale, scolastico, ospedaliero. In realtà qualsiasi prodotto che integri la HCL sfrutta al meglio le proprie potenzialità se inserito all’interno di un sistema, quindi se pensando all’abitazione si considerino una piantana, una pendant, un applique, una lampada da tavolo che interagiscano insieme.

“La scelta di produrre il modello all’interno della Coesum attraverso stereolitografia è stata dettata sia dalla garanzia di qualità delle produzioni che ho avuto modo di riscontrare attraverso terzi ed attraverso visite in azienda, sia da vincoli di carattere temporale, visto il poco tempo a disposizione, sia la volontà di ottenere un prodotto finito senza necessità di lavorazioni successive (come carteggiatura e verniciatura). Il risultato è stato molto buono e mi ha dato la possibilità di mostrare il mio progetto con un modello fisico prototipale, grazie a una delle migliori tecnologie di manifattura particolarmente idonea alla produzione di prototipi estetici”.

Condividi questo articolo

Pin It on Pinterest

Share This