Sinterizzazione plastica: cos'è, a cosa serve, materiali, esempi

Condividi questo articolo

Cos’è la sinterizzazione plastica SLS

La sinterizzazione plastica definita Sinterizzazione Laser Selettiva (SLS) è un processo di prototipazione rapida additiva in cui un modello tridimensionale viene realizzato per strati orizzontali di 0.1 mm attraverso un laser che fonde la polvere di nylon e la aggrega. Durante il processo di sinterizzazione non c’è bisogno di costruire supporti poiché la stessa polvere garantisce il sostegno ai modelli in produzione. Terminato il processo è sufficiente attendere il completo raffreddamento del blocco di polveri che si è generato, eliminare manualmente gli eccessi di materiale depositati sui componenti ed i prototipi sono pronti all’ uso

A cosa serve

Questo processo di stampa 3D consente di realizzare prototipi funzionali con geometrie anche molto complesse e con ottime performance dal punto di vista meccanico; per questo motivo è la tecnologia più utilizzata per test di assemblaggio e verifiche dimensionali. La finitura superficiale è porosa ma è possibile rendere i prototipi anche estetici con l’applicazione di un fondo di preparazione alla verniciatura.

Materiali utilizzati e finiture

I materiali con cui possiamo realizzare prototipi in Sinterizzazione sono

Nylon PA – Colore Bianco – SCHEDA TECNICA MATERIALE

Nylon PA 30 GF – Colore Bianco – SCHEDA TECNICA MATERIALE

Duraform Flex – Colore Nero – SCHEDA TECNICA MATERIALE

Alumide – Colore Grigio – SCHEDA TECNICA MATERIALE

HR Pa 12 – Colore Grigio – SCHEDA TECNICA MATERIALE

La finitura superficiale dei prototipi realizzati in Sinterizzazione è porosa. E’ possibile effettuare delle lavorazioni successive sul pezzo per raggiungere tre gradi di finitura

  • Standard: rimozione materiale in eccesso
  • Primer: oltre alla finitura standard si applica sul pezzo un fondo per la preparazione alla verniciatura
  • Verniciatura : è possibile scegliere il colore nelle tabelle RAL

Qualora il pezzo superi la dimensione massima della macchina è possibile realizzare il pezzo in più parti e poi riassemblarlo. Questa operazione viene effettuata garantendo la struttura del pezzo che nella zona di sezione viene rinforzato e stuccato

Possibili realizzazioni


Prototipo realizzato in Nylon PA che consente di ottenere una buona finitura superficiale risoluzione dei dettagli. Il materiale è compatibile con i test USP di Classe VI e tollera la sterilizzazione in autoclave e ha una buona resistenza agli agenti chimici.

Prototipo realizzato in nylon PA GF (Glass Fiber) al 30%. La carica in fibra di vetro rende i prototipi più resistenti a livello meccanico. La finitura del pezzo è rugosa ma può essere resa più liscia con lavorazione successiva Primer

Con il Duraform Flex è possibile produrre prototipi funzionali in simil gomma come guarnizioni e tubi flessibili


I prototipi in Alumide nylon caricato alluminio si caratterizzano l’elevata rigidità, maggiori prestazioni a livello di conduttività termica e aspetto metallico

La tecnologia Multi Jet Fusion della HP utilizza materiale PA12 e consente di produrre parti di altissima qualità e pre-serie fino a 50/100 unità

Case histories: esempi pratici

Condividi questo articolo

Pin It on Pinterest

Share This