Progetto di ricerca : i criteri di valutazione del grado di innovazione di un prodotto

Condividi questo articolo

Idea & Sviluppo ha ottenuto un finanziamento regionale per un nuovo progetto di ricerca nell’ambito del Programma Regionale Abruzzo FESR 2021-2027AVVISO 1.1.1.1: “Sostegno a progetti di Ricerca e Innovazione delle imprese afferenti ai Domini tecnologici della Strategia Regionale di Specializzazione Intelligente RIS3 Abruzzo 21-27”.

Il nostro nuovo progetto di ricerca si concentra sull’ideazione di una linea di prodotti pensati come ausili per attività nel contesto domestico, rivolti ad utenti anziani e disabili con minime e medie difficoltà fisiche. Questi nuovi prodotti saranno caratterizzati da un alto grado di innovazione, definibile da una serie di caratteristiche e proprietà e seguito da validazioni anche di tipo scientifico.

Le linee secondo le quali si concretizza e si valuta il grado di innovazione di un prodotto sono raggruppabili in quattro macro-categorie:

  • QUALITÁ AMBIENTALI

Un approccio al design e alla progettazione attento all’ambiente e alla sostenibilità del prodotto lungo tutto il suo ciclo di vita è il Life Cycle Design (LCD) spesso in combinazione con il Life Cycle Assessment (LCA). La combinazione di queste due filosofie consente di raggiungere obiettivi che potremmo definire ambiziosi, tra cui la minimizzazione del contenuto materico dei prodotti, degli sfridi e degli scarti accumulati durante il processo di produzione. Questo approccio tende anche alla riduzione dell’energia necessaria alla produzione, all’ottimizzazione delle risorse impiegate nella distribuzione e nell’imballaggio dei prodotti. In questo modo la scelta dei materiali, dei processi e delle risorse energetiche viene guidata dal criterio del basso impatto ambientale, puntando anche all’estensione della vita dei materiali impiegati. Nel percorso creativo e programmatico di nuovi dispositivi si adotta un approccio definito “a cascata”, scegliendo materiali facilmente riciclabili, facili da suddividere, raccogliere e trasportare dopo l’utilizzo. Puntare alla qualità ambientale di un prodotto vuol dire anche creare un design che dia vita ad un prodotto durevole, affidabile e che si possa aggiornare con facilità; la manutenzione, la riparazione ed il riuso devono essere facilmente eseguibili e con costi ragionevoli.  

  • QUALITÁ FUNZIONALI

Affinché questi dispositivi siano funzionali è necessaria un’attenta analisi preliminare del target di utenti da raggiungere e dei bisogni che si intendono soddisfare. Nello specifico il nostro nuovo progetto di ricerca si concentra sulle difficoltà che gli utenti anziani o disabili incontrano nello svolgimento di azioni quotidiane in ambiente domestico e tali prodotti devono garantire per esempio l’incolumità delle persone che lo utilizzano e anche la rispondenza all’uso per cui sono stati progettati. Grande attenzione verrà posta sulle caratteristiche costruttive e materiche dei dispositivi a garanzia della maneggevolezza e della flessibilità, affinché siano facili da sollevare e afferrare e riducano realmente la fatica dell’utilizzatore durante le sequenze d’uso.

  • QUALITÁ EMOZIONALI

Un oggetto è in grado di trasmettere emozioni, affinché queste emozioni siano corrispondenti al reale intento comunicativo del progetto inziale riserveremo grande attenzione anche i requisiti estetici dei vari prodotti. Prima tra tutte verrà esaminata la forma, privilegiando linee semplici ed eleganti per soddisfare il desiderio di un oggetto attraente e allo stesso tempo comunicativo ed originale. Il colore avrà un ruolo importante nel complesso del valore comunicativo come anche la caratteristica percettiva e sensoriale della superficie dei singoli dispositivi. L’intento è di fornire un ausilio che non venga etichettato come dispositivo medico tout-court e che non si associ immediatamente alla disabilità del suo utilizzatore.

  • QUALITÁ ERGONOMICHE

Il progetto di ricerca prevede lo sviluppo di una linea di prodotti che rispondano a specifici requisiti ergonomici che fanno riferimento ai concetti di comfort, adattabilità, regolazione, affordance ed interazione. Si parla di efficacia quando intendiamo valutare la correttezza e la completezza con i quali gli utenti raggiungono i propri obiettivi attraverso il prodotto; si parla invece di efficienza quando osserviamo la correttezza e la completezza degli obiettivi ottenuti in relazione alle risorse spese in termini di tempi e sforzi fisici. Completa il quadro valutativo il criterio della soddisfazione, inteso come grado di comfort e accettabilità nell’uso del prodotto, progettando l’interfaccia fisica per garantire un alto livello di comfort fisico, visivo e tattile.

Le valutazioni sul grado complessivo di innovazione del prodotto saranno condotte nelle fasi di prototipazione e sperimentazione grazie alle risorse di tecnologie e materiali all’interno del gruppo Coesum di cui Idea & Sviluppo srl fa parte. Le prove saranno svolte seguendo specifici piani e protocolli e riguarderanno i seguenti aspetti:

  • Definizione degli obiettivi della prova e del profilo degli utenti (campione di riferimento)
  • Individuazione della tecnica di osservazione
  • Definizione della lista dei task da osservare
  • Allestimento del contesto di osservazione (scenario, prodotti e strumenti di osservazione)
  • Definizione del ruolo dell’osservatore (attivo, passivo, non visibile)
  • Definizione delle modalità di svolgimento (tempi e modi)
  • Definizione dei criteri di misura (dati da raccogliere)

Impiegheremo metodi di valutazione dell’usabilità dei prodotti e metodi di verifica antropometrica dei prodotti e dei loro sottoinsiemi e componenti (verifiche di tipo analogico o digitale, bidimensionale o tridimensionale).

Condividi questo articolo

Pin It on Pinterest

Share This