L’Universo tascabile con Stampa 3D

Condividi questo articolo
Universo in 3D

Vi piacerebbe iniziare l’anno nuovo portando sempre con voi una riproduzione materiale e tascabile dell’Universo? Come? Realizzandola! Sfruttando sia il meglio del sapere teorico sia l’high tech più ricercato.

Seguendo i suggerimenti di Dave Clements, scienziato e professore del dipartimento di fisica di una prestigiosa Università di Londra, e dei suoi studenti che hanno realizzato tramite una stampante 3D il prototipo di plastica del cosmo originario per poterlo proporre sia agli scienziati che agli appassionati fino ad attirare l’attenzione di tutti. Si perché ognuno può realizzarsela a suo piacimento, scegliendosi la dimensione e il colore.
Questa pallina tascabile rappresenta un vero e proprio contenitore di informazioni raccolti negli anni dal satellite «Planck» dell’Esa; che ha intercettato e decifrato la “Radiazione cosmica di fondo” ossia il residuo, “l’eco” delle prime fasi dell’universo dopo il Big Bang. In essa è contenuta la prima luce che infranse le nebbie primigenie e diede il via al viaggio che proseguì per 13,8 miliardi di anni. Per gli studiosi studiare quel messaggio significa svelare la struttura del cosmo stesso.
E così nel palmo della mano si può stringere un inconsueto, e miniaturizzato, trattato di astronomia non più generato dalle tradizionali realizzazioni bidimensionali.

Condividi questo articolo

Pin It on Pinterest

Share This